fbpx Rubano lo zaino di Vettel, e lui insegue i ladri con... un monopattino elettrico
IgnorantNews

Rubano lo zaino di Vettel, e lui insegue i ladri con… un monopattino elettrico

di Enea Bacciocchi

Condividi con chi vuoi

Il GP di Barcellona andato in scena nell’ultimo weekend, ha dato vita a molte sorprese e non solo. Il guasto al motore di Charles Leclerc, leader del mondiale e della gara fino al momento dell’uscita, ha dato via libera al campione in carica Max Verstappen di concludere al primo posto la gara. A seguire, il compagno di scuderia Perez, Russell e il ferrarista Carlos Sainz.

Una grande gara è stata anche quella di Sebastian Vettel, quattro volte campione del mondo dal 2010 al 2013 con la RedBull, ed ex pilota per la Scuderia Ferrari dal 2015 al 2020. Il tedesco, dopo essere partito dalla sedicesima posizione ha disputato una grande gara, recuperando terreno e piazzandosi all’undicesimo posto finale. Purtroppo però, nonostante la rimonta, non è riuscito a portare punti alla scuderia Aston Martin.

Dal Gran Premio al furto: cosa è successo a Sebastian Vettel

Dopo il rammarico di una decima posizione sfumata, il pilota è andato incontro ad un’altra sfortuna, ben più grave. Il giorno dopo la gara, Vettel si stava godendo la giornata a Barcellona, fino a quando non gli è stato rubato lo zaino dall’auto. Secondo il quotidiano spagnolo El Periodico, l’ex Ferrari aveva lasciato aperto il finestrino del veicolo nel parcheggio dell’hotel, dove alloggiava insieme alla sua famiglia, rendendo così la vettura un bersaglio facile per un gruppo di ladri.

Non appena accortosi del furto, Sebastian ha utilizzato la geolocalizzazione delle sue AirPods rimaste nello zaino prelevato. Da qui, è iniziata una rincorsa con il suo monopattino elettrico alla ricerca dello zaino perduto. Giunto al quartiere El Raval, dove lo aveva portato la posizione delle cuffiette, purtroppo, ha ritrovato solamente queste; nessuna traccia, quindi, degli altri suoi averi. Successivamente al vano inseguimento, il fatto è stato denunciato alla Polizia.

Airpods (@Shutterstock)

Per essere sempre aggiornato sulle news provenienti da tutto il mondo continua a seguirci su Nasce, Cresce, Ignora.

Potrebbe anche interessarti:

Condividi con chi vuoi