fbpx Top 6 NCS: Sequel di cui nessuno ne sentiva il bisogno
Cinema & Serie TV

Top 6 NCS: Sequel di cui nessuno ne sentiva il bisogno

di Gabriele Di Nuovo

Condividi con chi vuoi

Ben ritrovati nella consueta Top 6 targata NCS. In questo nuovo articolo, la nostra redazione vi parlerà di 6 sequel di cui nessuno sentiva il bisogno. Dal ritorno nella galassia molto lontana, fino ad arrivare alla guerra con le macchine, il cinema con il passare degli anni ci ha “deliziato” con seguiti decisamente inferiori rispetto al loro capitolo precedente. Senza perderci in altre chiacchiere, ecco la nostra Top 6 dedicata ai sequel di cui nessuno sentiva il bisogno.

6. Speed 2 – Senza limiti (1997)

Sequel del film d’azione cult del 1994 con Keanu Reeves, “Speed 2 – Senza limiti”, sempre diretto da Jan de Bont, riporta in scena il personaggio interpretato da Sandra Bullock in un sequel completamente insensato e superfluo. Nonostante il cast abbia dalla sua attori come Willem Dafoe e Joe Morton, la pellicola fu un totale fallimento. Il pubblico non apprezzò il sequel e la critica lo distrusse, tanto da ottenere un 2% di recensioni positive su Rotten Tomatoes.

 

 

Annie Porter (Sandra Bullock) si è lasciata col suo vecchio fidanzato Jack (Keanu Reeves), perché lo considerava troppo spericolato, mentre adesso ha iniziato una nuova relazione con Alex Shaw (Jason Patric) che non gli ha raccontato tutta la verità sul suo lavoro. Il motivo di tale bugia è dovuta al fatto che, secondo Annie, le storie che nascono in circostanze eccezionali non durano mai e, si era promessa di non fare lo stesso errore.

Quando scopre che il suo fidanzato non è un poliziotto che sorveglia i ragazzini delle spiagge, ma un poliziotto il cui lavoro è molto simile a quello del suo ex, i due litigano. Alex proverà a farsi perdonare con un viaggio in crociera per due. I due partono, ma dovranno far fronte a un nuovo attentato di un pazzoide (Willem Dafoe), che per vendicarsi di un torto, ha manomesso il software del computer della nave per farla schiantare, con ancora a bordo molti passeggeri.

Se volete recuperare questo “grandissimo” sequel, potete trovarlo su Disney+ nella sezione Star e su Amazon al seguente link: https://amzn.to/39uKbPH

5. RoboCop 2 e 3 (1990 e 1993)

Dopo il successo del film del 1987 diretto da Paul Verhoeven, diventato subito cult, RoboCop tornò in sala con due seguiti decisamente meno riusciti e superflui. Se il secondo capitolo del 1990 diretto da Irvin Kershner, nonostante le bocciature da parte di pubblico e critica, ha mantenuto in parte le atmosfere e la critica sociale del primo film, la delusione totale la troviamo con il terzo del 1993. La pellicola di Fred Dekker, allontanandosi definitivamente da quanto fatto da Verhoeven nel film del 1987, segna la fine del franchise prima dell’arrivo del remake del 2014 con Joel Kinnaman nei panni del super poliziotto.

 

sequel

 

Nonostante due sequel superflui e abbastanza deludenti, RoboCop grazie alla prima pellicola è entrato nell’immaginario collettivo pop dando vita a numerosi videogiochi e storie a fumetti, tanto da avere persino un crossover con un robot del cinema: Terminator. Ma è proprio per vedere l’involuzione di un personaggio diventato subito iconico, anche grazie al suo interprete Peter Weller, che vi consigliamo di recuperare tutti i film.

Qui di seguito trovate il link per l’acquisto su Amazon dell’intera saga; dal primo capitolo fino al discreto remake del 2014: https://amzn.to/3QAuRBU

LA TOP 6 PROSEGUE NELLA PROSSIMA PAGINA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 Pagina Successiva »

Condividi con chi vuoi